Lo Sforno commenta Ki-Tissa: Israele ed il Vitello d’Oro

Shalom amici !
Ci ritroviamo in una delle sezioni più difficili della Torah, quella in cui Israele cade nel tranello dello Yetze Hâra, nonostante la Rivelazione collettiva ricevuta al Sinai.
Inizialmente i primogeniti avrebbero dovuto servire D.io nel Tabernacolo ma perderanno questo privilegio a causa della colpa del Vitello d’Oro, e sarà esclusivamente riservato alla tribù dei Levi.
I saggi insegnano che dopo l’arrivo del Messia, quando sarà ripristinato il Tempio di Gerusalemme, tutte le tribù riotterranno il ruolo dei Levi !

Lo Sforno commenta il Capitolo 32 di Shemot, l’Esodo

Momenti più importanti della Parasha

  • Ai figli di Israele viene chiesto di donare un mezzo siclo d’argento (unità di peso di metallo) per la costruzione del Tabernacolo. Le istruzioni sono date da Dio a Moshe per fare gli ultimi elementi di quest’ultimo:
  • Il Kiyor, un bacino d’argento, la cui acqua sarà usata dai sacerdoti per lavarsi le mani e i piedi prima del servizio nel Tabernacolo
  • L’Olio d’unzione usato per consacrare gli utensili del Tabernacolo e per intronizzare le Ketoret gli incensi bruciati sull’altare d’oro.

Aharonne Il Grande Sacerdote ed il Vitello d’Oro

Aharon il Cohen Gadol parlò al popolo dicendo: “Allentate i pendenti d’oro nelle orecchie delle vostre mogli, dei vostri figli e dei vostri figli e portateli da me”. Aharon sentiva che togliere i gioielli alle donne avrebbe richiesto tempo, scatenato negoziazioni e litigi… Poiché per natura una donna non cede i suoi abiti e tesori; difatto rifiutatorono tutte categoricamente ! Inoltre, esse capirono che un tale atto non poteva essere approvato dall’Onnipotente.
Gli uomini, animati dal desiderio di costruire un nuovo dio, decisero di donare i loro gioielli assieme ad altri oggetti, raccogliendo così una gran quantità d’oro in pochi giorni.

La ricerca era finita, Aharon gettò questa massa d’oro tra le fiamme di una fornace ardente preparata per lo scopo, temporeggiava in quanto ci vuole molto tempo per fondere l’oro prima che emerga qualsiasi forma (vedere Rambam – Hilkhot De’ot -Tratti del carattere).
Vi sono ragioni profonde per cui Aharon ‘partecipò’ alla colpa del Vitello d’Oro, ed i nostri saggi insegnano che chi lo accusa d’idolatria sbaglia (sarebbe stato ucciso assieme ai 3000 colpevoli) piuttosto tentò di farsi carico parzialmente della colpa d’Israele, affinché il popolo non venisse giudicato troppo severamente.
Ci sarebbe molto da scrivere ma possiamo fermarci qui e ricordare che…

Da quel giorno, gli uomini d’israele persero il diritto di portare dei gioielli, tranne il Cohen Gadol chiaramente.

Levitico, Shemini: il corpo é un Tempio. Parasha in ebraico ed italiano

Shalom amici,Siamo un pò di fretta questo venerdì, poco importa quanto ci si prepari prima… Ogni settimana speriamo di fare meglio della precedente ! La parasha in ebraico ed italiano Qui trovate il PDF per leggere la parasha della settimana in ebraico ed italiano, interlineare. La traduzione non é perfetta (spero che lo sia unContinua a leggere “Levitico, Shemini: il corpo é un Tempio. Parasha in ebraico ed italiano”

La Memoria Ritrovata: Attilio Ascarelli, quando la Scienza aiuta la Storia

Nel 78° anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine non si può non ricordare la storia dell’ uomo che salvò dall’oblio i corpi delle 335 vittime. È il 23 Marzo del1944 quando in via Rasella, poco distante da piazza Barberini a Roma, sta transitando con teutonica precisione il Polizeiregiment Bozen, composto da soldati altoatesini. I partigiani hannoContinua a leggere “La Memoria Ritrovata: Attilio Ascarelli, quando la Scienza aiuta la Storia”

Parasha Tetsavé: quando la Torah censura Mosé

Dopo la nascita di Mosè, la Torah cita il suo nome in ogni parashah sezione, eccetto per Tzaveh (Esodo 27:20-30:10) ; con l’aiuto del Ba’al Haturim possiamo scoprire l’origine di questa anomalia. In Ki-Tissa, la parasha della prossima settimana, Mosè implora D.i.o di perdonare il popolo d’Israele per la colpa del Vitello d’oro e, poichéContinua a leggere “Parasha Tetsavé: quando la Torah censura Mosé”

Pubblicato da Rebecca

Ebrea ortodossa, nata in Italia, cresciuta in Francia ed israeliana da poco, desidero far conoscere il pensiero e le tradizioni ebraiche, dialogando con rispetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: