Il Numero 13 e l’Amore nell’Ebraismo. Insegnamento del Ben Ish ‘Hai di Bagdad

Oggi é il 13° giorno del Calendario Ebraico ed é usanza leggere 13 volte il Salmo 13 per chi desidera ricongiungersi con l‘Anima Gemella. Può sembrare fiabesco e fuori moda ma é un noto insegnamento del Ben Ish ‘Hai e, se in alcune tradizioni il 13 ha una connotazione negativa, nella Lingua Santa Lashon HaKodesh il 13 é sia il Nome di D-I-O che pronunciamo mattina e sera nello Shema, nonché lo stesso Valore numerico di Amore Ahava.

אַהֲבָה
5+2+5+1
Ahava
Amore

אֶחָד
4+8+1
E’had
Uno

Qui trovate il Video col testo in ebraico fonetico e sottotitolato in italiano, letto da un Rabbino.

Ritratto del Ben Ish ‘Hai: indossava un turbante lungo 25 metri per sentire il Peso del Giudizio Divino.

Abbiamo spesso parlato del Ben Ish ‘Hai Rabbi Yossef ‘Haïm, vissuto circa 150 anni fà a Bagdad e diventato a soli 25 anni Rabbino Capo, nonché artefice della Creazione della Yeshiva Porat Yossef difronte al Kotel – Muro Occidentale. Il Sabato Pomeriggio, i suoi insegnamenti riunivano oltre 3000 persone nell’Anfiteatro di Bagdad: uomini, donne, bambini, persone colte e più ignare… Vediamo insieme perché !

Un libro dedicato alle donne che non sapevano leggere l’ebraico

Il Rabbino é molto conosciuto per i suoi testi in cui spiega le relazioni più profonde che legano il rispetto della Halakha Legge ebraica nel compiere i Precetti biblici e i segreti della Cabala Mistica Ebraica. Vediamo come Cabala e Comprensione della Mente Femminile, siano un tutt’uno: qui troverete il testo scritto su la Donna ed i sentimenti che prova prima del parto, estratto di ‘Houkei HaNashim.

Volontariamente scritto in Arabo Letterario, in modo che il maggior numero di donne ne avesse accesso. In poco più di 52 sezioni, il Rabbino ha raggruppato l’insieme di leggi affinché ogni ebrea avesse una buona educazione, conoscendo i suoi diritti e doveri, per le relazioni coniugali col Marito, relazioni coi vicini ma in primis che sapesse i suoi diritti per il Fidanzamento.

Non sottovalutiamo l’impatto della società circostante sulle nostre famiglie

All’epoca del Rabbino, i membri della Comunità meno applicati nello studio della Torah trattavano le figlie in modo molto simile alle usanze arabe ed a volte opposte ai valori ebraici. Oggi troviamo inconcepibile fidanzare le nostre figlie a 6 anni e potremo giudicare severamente chi, in povertà o meno, tentava di sistemare la propria discendenza. Cosa direbbero invece loro, sapendo che é considerato normale educare i nostri, ad usare il prossimo come sperimento, test, uso per i nostri bisogni fino a quando non avremo un nuovo capriccio ? Il tutto sempre con buone intenzioni perché bisogna farli studiare, laureare e sposarsi a 20 o 23 anni é troppo presto.

Vi saluto con questa riflessione.

Siamo certi che sapere i nostri figli a contatto con Sesso Casuale, Alcol, spesso Droga, o nel migliore dei casi affrontano varie delusioni sentimentali, ci dia più serenità che saperli in costruzione di un legame duraturo ? Riflettiamo alla Fonte di quest’educazione ed ai risultati ottenuti.

Levitico, Shemini: il corpo é un Tempio. Parasha in ebraico ed italiano

Shalom amici,Siamo un pò di fretta questo venerdì, poco importa quanto ci si prepari prima… Ogni settimana speriamo di fare meglio della precedente ! La parasha in ebraico ed italiano Qui trovate il PDF per leggere la parasha della settimana in ebraico ed italiano, interlineare. La traduzione non é perfetta (spero che lo sia unContinua a leggere “Levitico, Shemini: il corpo é un Tempio. Parasha in ebraico ed italiano”

La Memoria Ritrovata: Attilio Ascarelli, quando la Scienza aiuta la Storia

Nel 78° anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine non si può non ricordare la storia dell’ uomo che salvò dall’oblio i corpi delle 335 vittime. È il 23 Marzo del1944 quando in via Rasella, poco distante da piazza Barberini a Roma, sta transitando con teutonica precisione il Polizeiregiment Bozen, composto da soldati altoatesini. I partigiani hannoContinua a leggere “La Memoria Ritrovata: Attilio Ascarelli, quando la Scienza aiuta la Storia”

Lo Sforno commenta Ki-Tissa: Israele ed il Vitello d’Oro

Shalom amici !Ci ritroviamo in una delle sezioni più difficili della Torah, quella in cui Israele cade nel tranello dello Yetze Hâra, nonostante la Rivelazione collettiva ricevuta al Sinai.Inizialmente i primogeniti avrebbero dovuto servire D.io nel Tabernacolo ma perderanno questo privilegio a causa della colpa del Vitello d’Oro, e sarà esclusivamente riservato alla tribù deiContinua a leggere “Lo Sforno commenta Ki-Tissa: Israele ed il Vitello d’Oro”

Pubblicato da Rebecca

Ebrea ortodossa, nata in Italia, cresciuta in Francia ed israeliana da poco, desidero far conoscere il pensiero e le tradizioni ebraiche, dialogando con rispetto.

Una opinione su "Il Numero 13 e l’Amore nell’Ebraismo. Insegnamento del Ben Ish ‘Hai di Bagdad"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: