Perla ‘Hassidica : Le Parole del Cuore

Quanto è importante l’ascolto? In un mondo fatto di rumori, di urla, di comunicazioni forzate, cosa significa ascoltare? E sopratutto perché è così difficile concedere l’ascolto?

Domande fondamentali cui spesso non sappiamo dare risposta. Per questo è importante interrogarsi:

Cosa accade alle parole non accolte ?

Una volta Rabbi Moshe di Kobryn, dopo aver spiegato la Torah alla tavola di Shabbat, disse ai suoi Hassidim che gli sedevano intorno:” Vedo che tutte le parole che ho detto non hanno trovato neppur uno che le abbia accolte nel suo cuore. E se voi mi chiedete come lo so, io che non sono profeta né figlio di profeta, vi dirò…

Le parole che vengono dal Cuore vanno in Verità al Cuore.

Rabbi Moshe di Kobryn

Se però non ne trovano alcuno allora all’uomo che le ha dette D’-o concede la grazia che esse non restino senza dimora, ma ritornino tutte nel cuore da cui sono uscite.

Così è avvenuto a me. Ho sentito un colpo, erano le parole che tornavano in me tutte insieme”

Rabbi Moshe di Kobryn

Qualche tempo dopo che Rabbi Moshe ebbe lasciato il Mondo, un amico disse che se egli avesse avuto a chi parlare veramente sarebbe vissuto ancora.

Se la parola crea il mondo non dobbiamo mai smettere di chiederci cosa accade alle parole quando non vengono accolte. Se smettiamo di ascoltare, di prestare cioè il nostro orecchio affinché le veicoli nel prezioso vaso che è il nostro cuore, le parole smettono di far fiorire gli uomini, di generare in loro quel sano flusso di energie che permette al Mondo di rigenerarsi.

Non accogliere le parole comporta un prezzo alto da pagare quando è il cuore di chi le ha pronunciate a essere in gioco. E se quelle parole riguardano la Legge, allora lo scotto che ciò implica può essere ancora più devastante. La vita del Rabbi ci fa meditare sull’essenza:

Dal valore del nostro ascolto dipende la bellezza del Mondo che riusciamo a creare attorno a noi !

Riflessioni ‘Hassidiche

LEGGI ANCHE La Purezza del Linguaggio

Levitico, Shemini: il corpo é un Tempio. Parasha in ebraico ed italiano

Shalom amici,Siamo un pò di fretta questo venerdì, poco importa quanto ci si prepari prima… Ogni settimana speriamo di fare meglio della precedente ! La parasha in ebraico ed italiano Qui trovate il PDF per leggere la parasha della settimana in ebraico ed italiano, interlineare. La traduzione non é perfetta (spero che lo sia unContinua a leggere “Levitico, Shemini: il corpo é un Tempio. Parasha in ebraico ed italiano”

La Memoria Ritrovata: Attilio Ascarelli, quando la Scienza aiuta la Storia

Nel 78° anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine non si può non ricordare la storia dell’ uomo che salvò dall’oblio i corpi delle 335 vittime. È il 23 Marzo del1944 quando in via Rasella, poco distante da piazza Barberini a Roma, sta transitando con teutonica precisione il Polizeiregiment Bozen, composto da soldati altoatesini. I partigiani hannoContinua a leggere “La Memoria Ritrovata: Attilio Ascarelli, quando la Scienza aiuta la Storia”

Lo Sforno commenta Ki-Tissa: Israele ed il Vitello d’Oro

Shalom amici !Ci ritroviamo in una delle sezioni più difficili della Torah, quella in cui Israele cade nel tranello dello Yetze Hâra, nonostante la Rivelazione collettiva ricevuta al Sinai.Inizialmente i primogeniti avrebbero dovuto servire D.io nel Tabernacolo ma perderanno questo privilegio a causa della colpa del Vitello d’Oro, e sarà esclusivamente riservato alla tribù deiContinua a leggere “Lo Sforno commenta Ki-Tissa: Israele ed il Vitello d’Oro”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: