2# Il Midrash racconta la Genesi: L’Albero della Vita e le due Corone del Cielo

Shalom amici,
Ecco il nostro articolo corrispondente alla lezione sul Midrash, in diretta Facebook il
Lunedì alle 20.30 ore italiane; a fine articolo troverete la playlist delle lezioni già effettuate.

“E fu sera e fu mattina” così giunge il terzo giorno della Creazione. Le acque si riuscono e la Terra emerge. Vengono creati gli alberi, che inizialmente, nelle intenzioni del Creatore, avrebbero dovuto essere commestibili in ogni loro parte.

A questo punto, però, accade qualcosa, su cui il Midrash insiste. Ci viene detto, infatti, che la Terra si rifiuta di far crescere alberi simili, per tema che l’uomo, non contentandosi dei soli frutti, sia ingordo e mangi ogni parte della pianta, iniziando, quasi ante litteram, una sorta di deforestazione.

Al rifiuto opposto dalla Terra, D-o risponde creando quattro diversi tipi di albero: quelli che danno solamente frutti, quelli che solo profumano, quegli altri che non danno né frutti né profumo alcuno e in ultimo quelli che producono sia frutti che essenze odorose. Nel Gan Eden, il Giardino della Creazione si trovano poi due alberi particolari, l’Etz Ha-Daat, l’Albero della Conoscenza, e l’Etz Ha-Chaim, l’Albero della Vita.

Quest’ultimo è l’Albero da cui si diramano tutti gli altri. Solo di questo albero tutto può essere consumato. Una cosa degna di nota è che D-o, pur avendo creato la vegetazione, non fa ancora scendere la pioggia. Attende cioè di creare l’uomo, affinché sia lui a pregare e chiederne la discesa. Viene, cioè, già preannunciato nel terzo giorno che l’uomo verrà creato perché possa chiedere attraverso la parola e la preghiera.

Il Gan Eden è, come insegnano i saggi, un immenso Albero, che va da una parte all’altra dell’Universo ed è in continua espansione. Il Midrash ha circa duemila anni e da tanto i saggi insegnano che il mondo è infinito. Il Giardino dell’Eden e l’Etz Ha- Chaim, l’Albero della Vita, non sono altro che un posto in cui si è in connessione spirituale con D-o, un luogo immateriale. Un luogo che non è dato percepire agli uomini, nemmeno ai profeti, come Isaia ed Ezechiele, che pure hanno intravisto il Trono Celeste. Questo ci dimostra che il corpo fisico, benché possa spingersi ai livelli più elevati di profezia, non può invece giungere a percepire la Luce del Gan Eden.

Il Midrash spiega che esistono vari livelli di Paradiso. Abramo, Isacco e Giacobbe, per esempio, sono a un livello altissimo, ma a un livello ancora più alto c’è chi è vissuto in povertà e non perché, riduttivamente, la religione è l’oppio dei poveri. Ai poveri è concesso un livello più elevato di quello dei Patriarchi in quanto essi hanno capito che la povertà materiale non è un ostacolo e sono riusciti a connettersi con il vero senso della vita. Più alto ancora è il livello degli innocenti, che sono morti o di malattia o perché uccisi in quanto ebrei.

Ancora una volta ” è sera e mattina” e giunge il quarto giorno, il giorno in cui D-o crea due Grandi Luminarie, per porre in essere i cicli, una per regnare sul giorno e una per regnare sulla notte. All’origine entrambi gli Astri hanno la stessa dimensione e la medesima luce. La Luna però si lamenta che due re non possono avere la stessa corona. Allora il Creatore decide di rimpiocciolirla e opacizzarne la luce.

Il Midrash racconta quindi che la Luna, pur sorpresa, rimane in silenzio e piange, ai margini, la sua sorte per il suo atto di superbia. Per questa sua pacatezza e per aver accettato in silenzio il Suo decreto, D-o crea un’infinità di stelle su cui la Luna possa regnare.

Il senso del racconto è chiaro e il Midrash lo mette bene in evidenza. Le creature avide di onore come la Luna agiscono contro loro stesse, chi invece, come il Sole, resta in silenzio, riceve la giusta ricompensa. Insegnamento più che mai attuale.

La playlist sulle lezioni precedenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: