#1 MIDRASH: Le parole che crearono il Mondo

Rubrica a cura di Maria-Teresa, sulla base del corso di T. Rebecca Speranza del Lunedì alle 20:30. Iniziamo il ciclo di studi del Midrash ossia il Derash della Genesi secondo la tradizione ebraica: racconteremo il Primo e Secondo giorno. A fine articolo troverete la playlist delle lezioni già effettuate.

Il mondo è stato creato con 10 parole, di cui la prima è Bereshit בראשית. Spesso i saggi del Midrash si sono chiesti come mai D-o ci abbia impiegato 6 giorni a creare il mondo, quando gli sarebbe bastato un soffio per creare tutto istantaneamente.

Oltre 1800 anni fà Rabbi Yossi l’allievo di Rabbi Akiva per rispondere a questa domanda usa la metafora del banchetto: bisogna scegliere il menù, recuperare gli ingredienti, addobbare la tavola, accogliere l’invitati e servire il pasto.

Con la Parola Bereshit D-i-o Crea il Tempo.

Questo ci porta a chiederci come mai la Genesi inizi con la lettera B invece che sulla A. Ebbene per come è concepita la lettera ebraica ב‎, bet, essa implica che non si possa tornare indietro, che la direzione sia una e una sola. D-o crea qualcosa di finito, come il Tempo, rinunciando a parte di sé. Dalla non materia crea la materia.

Nel Midrash vengono cioè enucleati concetti che solo da 50 anni la Fisica ha concettualizzato. Dopo aver creato il Tempo D-o crea gli astri, che aiutino a creare i cicli. Il primo giorno non viene definito come Yom Rishon, ma come Yom Echad, Rashi spiega giorno unico.

Il secondo giorno furono consolidati i Cieli.

Il Cielo in ebraico é plurale e si chiama Shamaïm composto di Esh Fuoco e Maïm Acqua: D-o terminò l’Inferno e la Creazione degli Angeli. Del secondo giorno non viene detto che è un buon giorno perché è stato creato l’Inferno e poi perché separando le acque quelle dell’alto da quelle del basso significa discriminare qualcosa, creando una divisione. Le opere del secondo giorno non meritano pertanto di essere lodate perché incomplete e saranno ultimate solo il terzo giorno.

Hashem, inoltre, non dice che l’acqua è buona perché la userà per distruggere l’umanità della generazione di Enoch e del Diluvio.

Per definire il mutare del giorno vien detto ” … E fu sera e fu mattina“, questo spiega perché gli Ebrei computino il giorno partendo dalla sera e non dal mattino.

Le Lezioni precedenti

Pubblicato da Rebecca

Ebrea ortodossa, nata in Italia, cresciuta in Francia ed israeliana da poco, desidero far conoscere il pensiero e le tradizioni ebraiche, dialogando con rispetto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: